--> -->
Art.21 della Costituzione italiana: "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione."
CPA
Home Attività editoriali il mensile gli articoli feed-image

Articoli pubblicati sul mensile "Avanguardia"



Lavoro: problema irrisolto PDF Stampa E-mail

Dal n° 365 - Gennaio 2017

Scritto da Daniele PROIETTI   

L’inefficacia del modello di società liberista è cosa nota, anche se alcune delle sue croniche mancanze vengono sapientemente nascoste dagli oracoli di regime che i detentori dell’autentico potere (uomini e strutture dell’Alta Finanza giudaico-mondialista) mettono a condurre i programmi più visti dal popolo italiano, ormai nella quasi totalità annichilito e manipolato.

Tuttavia ci sono dei settori strategici della vita di una comunità le cui lacune non riescono ad essere soffocate nemmeno dai menestrelli di più alto lignaggio, perché tali settori corrispondono a quelle parti che per l’esistenza di un contesto sociale possiamo definire fondamentali, in quanto ne scandiscono la vita quotidiana e ne determinano il futuro. È sulle politiche in materia lavorativa che il capitalismo non riesce in alcun modo a darsi un’immagine positiva, e questo avviene perché esso si basa principalmente sul valore negativo dell’iniquità, facendo discendere da questa caratteristica le sue altre peculiarità.

Cambiano i politici, i nomi dei ministri chiamati ad occuparsi di una questione tanto importante, ma non viene modificata la linea tracciata, e non può esserlo, in quanto imposta da quegli organi transnazionali dei quali spesso parliamo, che costituiscono un impedimento permanente alla libertà dell’Italia e di tutta l’Europa.

Leggi tutto...
 
Il mercato del terrore PDF Stampa E-mail

Dal n° 365 - Gennaio 2017

Scritto da Mario MARLETTA   

“…l’epoca moderna deve corrispondere necessariamente allo sviluppo di certe possibilità che erano incluse fin dal principio nella potenzialità del ciclo attuale. Per inferiore che sia il rango di tali possibilità nella gerarchia complessiva, pure esse dovevano ben esser chiamate a manifestarsi come le altre, secondo l’ordine ad esse assegnato. Sotto questo riguardo, ciò che secondo la tradizione caratterizza l’ultima fase del ciclo è, per così dire, lo sfruttamento di quanto era stato trascurato o respinto nel corso delle fasi precedenti. Infatti proprio ciò traspare dalla civiltà moderna, la quale in un certo modo vive solo di quel che le civiltà precedenti non vollero per se stesse … un’epoca di disordine è in se stessa qualcosa di simile ad una mostruosità che, pur essendo la conseguenza di certe leggi naturali organiche, non per questo cessa di rappresentare una deviazione e una specie di errore; o qualcosa di simile ad un cataclisma che, pur risultando dal corso normale delle cose, in sé considerato, appare pur sempre come uno sconvolgimento e una anomalia. La civiltà moderna, come ogni cosa, ha di necessità una sua ragion d’essere e, se con essa ha da chiudersi un ciclo, può dirsi che essa sia proprio quel che avrebbe dovuto essere, cioè che essa abbia trovato il suo tempo e il suo luogo. Non per questo ad essa deve applicarsi con minore severità un detto evangelico troppo spesso mal compreso: «Occorre che lo scandalo vi sia: ma guai a coloro che faranno accadere lo scandalo!»” (1).

Leggi tutto...
 
APE: l’evoluzione dell’usura PDF Stampa E-mail

Dal n° 364 - Dicembre 2016

Scritto da Daniele PROIETTI   

In ogni fenomeno soggetto al tempo, quindi non statico, di qualsiasi natura esso sia, si attua un processo evolutivo attraverso il quale tale singolo aspetto si modifica di volta in volta, adattandosi ai tempi, restando identico nei caratteri fondamentali ma divergendo in dettagli a volte non piccoli.

Capita spesso che con il passare degli anni e poi dei decenni qualcosa si riveli essere inadeguato, semplicemente perché non risponde più alle esigenze del tempo presente, e finisce quindi prima per diminuire il suo significato concreto e poi infine per spegnersi.

A volte però si innesca l’opposto, ovvero con il passare del tempo un concetto non solo mantiene intatto se stesso, ma aumenta la sua portata e il suo raggio di azione, ampliandosi e ripensandosi in nuove vesti oltre quelle abituali.

L’usura ha accompagnato fedelmente la società nelle sue diverse epoche, reimpostandosi ogni volta in modo tale da mantenere il suo senso e la sua efficacia.

È iniziata per strada attraverso lo strozzinaggio, è proseguita dentro le attività commerciali, e nella società moderna si sviluppa, in modo del tutto legale, attraverso l’istituzione bancaria e organi creati dagli esecutivi in maniera apposita, come oggi è ad esempio Equitalia.

Ma è con il progetto di riforma previdenziale per l’anno duemiladiciassette che l’attuale (ex) governo, prosecutore dell’opera iniziata dai precedenti avente per fine lo smantellamento totale dello stato sociale italiano, mostra il carattere prettamente evolutivo del fenomeno usuraio.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 50
Nessun evento
ebrguerra.resized.jpg
CelticaCPA