--> -->
Art.21 della Costituzione italiana: "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione."
CPA
Home Attività editoriali il mensile gli articoli feed-image

Articoli pubblicati sul mensile "Avanguardia"



La fine del mondo: il problema della svastica PDF Stampa E-mail

Dal n° 359 - Maggio-giugno 2016

Scritto da Alessandro LIMIDO   

Come noto, in questo stato al collasso, stritolato dalle forze mondialiste, imprigionato dalle catene americane e costretto a subire le folli decisioni dell'Europa dell'Oro, c'è spazio sulla carta stampata per l'annoso problema della bandiera esposta nella piccola sede della mia organizzazione, nell'altrettanto piccolo paesino di provincia che è Caidate. Una frazione per la precisione.

Lo spazio però è tanto, come sul web, siti pseudo polizieschi che chiedono a gran voce la testa dei Dodici Raggi per questo MIO incriminato gesto.

La bandiera, simbolo di un popolo sepolto dalle bombe angloamericane, dalla menzogna giudaica e dalla barbarie bolscevica, per noi, presenti alla conferenza, non è altro che il filo conduttore che ci lega a quel mondo straordinario che fece risplendere l’Europa negli anni che furono.

Il contorno alle foto mostrate su “la Repubblica” e “il manifesto” (per chi ha ancora voglia e coraggio di leggersi Berizzi e Ferrari) è la solita vergognosa accozzaglia di palle e informazioni dozzinali, approssimative e ritrite. Certo è che l'articolo, se così lo si può chiamare, induce allo sbadiglio in fretta e si lascia rubare la scena dalle fotografie che mostrano solamente un pugno di relatori ad una conferenza… nulla di particolarmente interessante ma abbastanza da farne strame per gli ottusi e trenta denari per i servi. Ma va bene, gridate pure allo scandalo, invocate la magistratura, fate credere che togliendo un pezzo di stoffa avremmo una società migliore, oliate l’ingranaggio mortale del sistema.... conformatevi al potere unico dell'unico pensiero, accettate la tirannia dell’informazione; va bene, perché NOI NON ABBIAMO PAURA. Il seme di frassino della rivoluzione è già conficcato in questa martoriata terra, il sangue dei nostri popoli non farà altro che farlo germogliare e quando sarà cresciuto, il santo pilastro cosmico dell'Irminsul guiderà la rivoluzione del Sangue: un poderoso colpo di spugna cancellerà il fango dell'ingiustizia, e di questo statene pur certi, sarete i primi a scoprirlo......Non esisterete più.

Ridete pure, gozzovigliate tranquilli, ma dietro alla vostre maschere di cera c'è la cancrena di un corpo putrescente che è ormai quasi cadavere. Nulla di nuovo, il passato torna futuro.

Perché noi sappiamo aspettare ma soprattutto perché sappiamo lottare: perché due soli sono gli eventi incontrovertibili dell'esistenza, il primo è che la Natura si ribella, il secondo che la Storia si vendica!

Alessandro Limido

Comunità Militante dei Dodici Raggi

 

 
Il male dell’italietta liberale: la mafia, la corruzione e il degrado sociale? No: una “bandiera con lo Swastika”! PDF Stampa E-mail

Dal n° 359 - Maggio-giugno 2016

Scritto da Leonardo FONTE   

Grazie alla disponibilità politica ed alla sensibilità dei camerati della “Comunità dei Dodici Raggi” di Varese, lo scorso 20 maggio s’è svolta - come propagandato sulle pagine della nostra rivista - la conferenza su mondialismo e politiche discrete dirette dal Sistema.

Dinnanzi ad una platea composta, attenta, oltreché numerosa, si sono susseguire le varie relazioni, in appendice il dibattito.

I camerati tutti han ritenuto doveroso omaggiare la figura di Giovanni Preziosi, la sua certosina, algida e attenta documentazione sui tentacoli dell’ebraismo all’interno delle istituzioni italiane tra risorgimento e seconda guerra mondiale, anche attraverso la pubblicazione di una raccolta di scritti recentemente pubblicati da “Avanguardia”.

Leggi tutto...
 
TTIP: il regalo dell’Europa PDF Stampa E-mail

Dal n° 359 - Maggio-giugno 2016

Scritto da Daniele PROIETTI   

L’abilità degli organi di informazione italiani ed europei, da decenni sotto l’influenza dei più grandi gruppi economico-finanziari del pianeta in quanto spesso e volentieri diretti da essi, è quella di definire con termini errati concetti importanti al fine di influenzare gli ascoltatori o i lettori.

Essi, infatti, definiscono il Ttip come un Accordo Transatlantico sul Commercio e gli Investimenti, avente al suo interno diversi trattati singoli riguardanti i settori strategici dello sviluppo, del commercio e dell’economia in genere. Per definire accordo un qualcosa ci deve essere una condizione fondamentale, ovvero che tutte e due le parti in causa abbiano dei vantaggi dal formalizzarsi di tale intesa. In questo caso, invece, a giovare di quanto concordato sono solo gli Stati Uniti d’America, mentre l’Europa trarrà da tutto ciò solo esiti negativi, sotto più aspetti.

Qualora infatti il tutto venisse approvato, come ormai appare scontato nonostante le timide perplessità avanzate da alcuni Stati, ultima in ordine di tempo la Francia, i cittadini europei subirebbero un regresso dal punto di vista dei diritti sociali, tale che verrebbe messo in discussione quel poco di tutela per il lavoratore che in Europa era ancora rimasta. La natura delle riforme nel campo del lavoro che sono state approvate negli ultimi tempi dagli esecutivi continentali, come ad esempio quella approvata dal governo italiano di Matteo Renzi, fanno già capire bene che tipo di futuro i capi della grande finanza cosmopolita immaginano per i popoli del vecchio continente.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 8 di 50
Nessun evento
camerati_addio.jpg
CelticaCPA