--> -->
Art.21 della Costituzione italiana: "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione."
CPA
Home Le Opinioni nostre feed-image
Facciamo un gioco ! PDF Stampa E-mail
Scritto da Graziano DALLA TORRE   
Domenica 22 Aprile 2012

         Facciamo un gioco. Vi 'somministrerò' due notizie:  una falsa, nel senso che si tratta di un fatto di fantasia da me inventato; una vera, nel senso che come tale è stata riportata sulle pagine del "Corriere del Veneto" di alcuni giorni orsono, guadagnandosi un trafiletto di poche righe in margine di pagina. Ambedue sono -a mio avviso-  verosimili.

 Sta a voi individuare e distinguere la 'vera' dalla 'falsa'.

 1) Allora: in un comune del Veneto il parroco nega l'iscrizione alla scuola materna parrocchiale ad un bambino figlio di genitori arabi e musulmani. Motivazione: la scuola è parrocchiale, quindi privata,  e impartisce una educazione incentrata sulla dottrina della religione cristiana-cattolica. Un musulmano vada alla scuola pubblica o a quella... musulmana, sbotta il buon parroco, e non avrebbe torto se le scuole materne parrocchiali non ricevessero abbondanti aiuti pubblici (soprattutto dai comuni) oltre alle rette dei genitori,  e che la mancanza di scuole materne comunali o comunque pubbliche è il risultato dei vergognosi accordi passati intercorsi tra il solito Vatican State e la vecchia cialtronesca classe 'dirigente' (o digerente...) democristiana. Ma lasciamo stare...

2) In occasione delle celebrazioni della Pasqua ebraica presso la comunità ebraica di Venezia, viene fisicamente impedito l'ingresso alla sinagoga a due coppie di coniugi nelle quali solo uno dei due è israelita mentre l'altro è qualcos'altro... Il nuovo rabbino capo di Venezia, si dice, è uno tosto che a queste cose ci bada ancora. Proteste, confusione, urla, telefonate concitate ai capi dell'Unione delle Comunità Israelitiche italiane a Roma, soluzione di compromesso conciliante. Per stavolta che entrino, poi si vedrà...

 Se avete dubbi sulla risposta esatta vi voglio aiutare; come già detto la notizia vera ha avuto un trafiletto di mezza dozzina di righe tra le notizie cosiddette 'brevi'...

 Graziano Dalla Torre 

 

 
IMPUDENZA DA GHETTO...IMPUDENZA SBIRRESCA PDF Stampa E-mail
Scritto da Adriana NEGRONI   
Lunedì 16 Aprile 2012

Supponiamo che Dirk Nowitzki, nazionale di pallacanestro tedesco, eletto miglior giocatore del 2011, improvvisamente vada fuori di testa e, intervistato da una qualunque televisione di regime, descriva le piacevoli qualità rilassanti del sapone da doccia ricavato da ebrei morti ad Auschwitz: quale devastante onda mediatica lo travolgerebbe? Attraverso il televisore (l’elettrodomestico satanico per eccellenza -all’interno del quale viene incessantemente plasmata la sì detta “pubblica opinione”) assisteremmo a interminabili linciaggi televisivi, talk show puntualmente animati dai soliti tromboni sterminazionisti in collegamento da Washington e da Tel Aviv. Tutti chiederebbero unanimemente –sbavando recitata rabbia- pene esemplari per così tanta impudenza! Evidentemente, tutto ciò non accadrà mai, almeno finché non giovasse rianimare la solita prassi ricattatoria del risarcimento agli eterni “sopravvissuti” da operetta, alle stucchevoli controfigure buone a estorcere qualche miliardo di euro alla Repubblica Federale di Germania (magari sotto forma di U-boot nucleari)!

E’, invece, accaduto che -dalle pagine elettroniche di facebook- un immondo antropofago impiegato nella squadra di pallacanestro sionista detta Maccabi Haifa, rispondente al nome di Ido Kozikaro, avesse l’impudenza di dichiarare quanto segue: “…la cosa migliore nelle celebrazioni della pasqua è quella di mangiare pane -condito con sangue di bambini musulmani e cristiani”.

Che questo laido untermensch osi spiattellare al mondo intero una prassi talmudica ancora oggi ampiamente diffusa, non ci stupisce neanche un po’: conosciamo troppo bene di quale pasta siano fatti costoro. Sappiamo altrettanto bene quale offa sia costretta a versare EUROPA ai suoi stupratori! Se ciò che affermiamo non fosse scolpito nella VERITA’, non avremmo “ascoltato” l’assordante silenzio dei sì detti MEZZI DI INFORMAZIONE LOCALI sulle dichiarazioni di cui sopra.

Ancora una volta, la domanda che sorge spontanea è la stessa, quella di sempre: CUI PRODEST?.. A chi giova una sparata che squalifica -agli occhi dell’ultimo politicamente corretto- ogni singolo ebreo sulla faccia della Terra?.. E’ semplice e incontrollato DELIRIO DI ONNIPOTENZA?.. E’ sadomasochismo da gabinetto freudiano?.. Oppure serve ad alzare la tensione tra i popoli (il che, al CAPITALE, non fa mai male!), e a preparare il terreno alla prossima CARNEFICINA DI MASSA?

Solo pochi giorni fa, siamo stati intervistati telefonicamente da una sedicente giornalista RAI, la quale, ancor prima di rivolgerci una domanda, ha avuto a cuore di precisare di… “non essere della DIGOS”. I nostri Progenitori Romani, allorquando annusavano il tanfo della malafede, solevano esclamare: “EXCUSATIO NON PETITA, ACCUSATIO MANIFESTA”. Perché ostentare delle giustificazioni, se nessuno le ha richieste? Perché intervistare la scrivente, previa precisazione dissimulatrice? E’ dunque “plausibile” –dato il pessimo momento vissuto dal padrone sionista, spintosi fino al punto da vietare gli “imbarchi indesiderati” in tutti gli aeroporti della SERVA-EUROPA- che il sistema stia preparandosi a un ulteriore “giro di vite” contro le belve naziste?

Evidentemente, AVANGUARDIA fa ancora male a lorsignori”.

 
Lo spread va sù. Lo spread va giù PDF Stampa E-mail
Scritto da Parsifal   
Martedì 10 Aprile 2012

Non c'è niente da fare, neppure il Professor Monti e il suo governo di tecnici o tecnocrati è riuscito a fare il miracolo. Nonostante appoggi in alto loco, nonostante le manovre lacrime e sangue, nonostante la scoppola sulla casa, nonostante il massacro sulle pensioni, nonostante l'aumento dell'IVA (questo in realtà è un lascito del defunto governo delle zoccole), nonostante la riforma (hanno il coraggio di chiamarla così) del lavoro, nonostante tutto questo, lo spread è ripreso a salire, l'indebitamente pubblico pure, il fabbisogno di cassa dello Stato anche. Ed è pure aumentata la disoccupazione giovanile, autentico dramma, ma nessuno pare accorgersene, non se ne danno pena al governo, neppure al Parlamento, neanche i sindacati e e neppure quelle associazioni a delinquere che chiamasi partiti politici.

Che fare, dunque? Attendere con rassegnazione la prossima botta in testa? Magari un bel prelievo notturno sul conti correnti ad imitazione del ladrocinio già commesso nel 1992 dal "Dottor Sottile" di craxiana memoria?

Noto nel popolo italiano una rassegnazione che oramai ha assunto i connotati del vero e proprio masochismo. Si cerca di salvare il salvabile e si spendono gli ultimi soldi rimasti in una atmosfera da caduta di Costantinopoli, mentre i turchi stanno oramai salendo le mura, ognuno nel suo piccolo e chiuso nel suo dramma personale cerca di non pensarci. Di fronte a tutto questo, è sempre più difficile per le forze autenticamente alternative al sistema cercare una strada per sfondare il muro di gomma formato dallo schieramento compatto dei media, dei centri di poteri, dei sindacati e dei partiti e, perchè no, anche dalla Chiesa Cattolica, tutti schierati compatti alla difesa del governo del fare presto, del governo dei tecnici, dei salvatori della Patria.

Personalmente, ed esprimo la mia opinione unicamente personale che non implica nessuna presa di posizione della Comunità Politica di Avanguardia, penso che oramai questa società marcia e corrotta non possa più essere salvata, occorre che le persone rimaste libere debbano strigersi in gruppi solidali e aspettino con animo puro e coscienza incorrota, in piedi in mezzo alle rovine, la fine, che oramai è prossima, di questo ciclo di decadenza.

 
Allarme del “fronte di combattimento ecologista” PDF Stampa E-mail
Scritto da Adriana NEGRONI   
Martedì 03 Aprile 2012

La Comunità Politica di “Avanguardia”, dopo attente ricerche effettuate da taluni suoi sodali, possiede una cospicua documentazione sufficiente a lanciare un accorato ALLARME alle ultime intelligenze sopravvissute. La Comunità Politica di “Avanguardia” potrebbe citare gli studi di molti giornalisti investigativi o di semplici cittadini colpiti da “inspiegabili” lutti familiari -come Rosario Marcianò (coordinatore per l’Italia del blogTANKER ENEMY”) o come Gianni Lannes, noto per le sue inchieste sull’OMICIDIO DI STATO di cui è stata fatta oggetto Ilaria Alpi. “AVANGUARDIA” esorta tutti alla mobilitazione, allo scopo di creare un FRONTE DI COMBATTIMENTO ECOLOGISTA che oltrepassi gli “steccati rosso-neri” eretti dal sistema dopo Yalta!

Leggi tutto...
 
PER RINFRANCAR LO SPIRITO... PDF Stampa E-mail
Scritto da Graziano DALLA TORRE   
Domenica 25 Marzo 2012

Il testo che segue è stato da me prelevato da "Yahoo notizie", che a sua volta ha ripreso una notizia riportata dalla agenzia ADN Kronos e dal Corriere della sera' del 13 marzo u.s. Veramente non si finisce mai, oltre che di imparare, anche di stupirsi... E del resto lo stupore e la capacità di stupirsi sono propri, oltre che dei bambini, anche delle persone di animo nobile e sensibile. Io personalmente non nutro più, ahimè, nei miei confronti queste illusioni, essendo giunto pericolosamente vicino, altre che alla vecchiezza, anche al cinismo che spesso la contraddistingue. Quindi non mi stupisco affatto che esistano personaggi come la sottonominata (e finora per me assolutamente sconosciuta) Valentina Sereni con annessi suoi sodali e compagni di merende.

Mi sorge soltanto il dubbio che siano nientemeno che dei burloni che si divertono a prendere 'amabilmente' in giro il vasto gregge degli adepti del 'pensiero unico' scommettendo fra di loro sino a che punto possono permettersi di tirare la corda. Contrariamente non riuscirei a credere che individui senzienti  (per quanto sicuramente... deficienti) possano consapevolmente e coscientemente spingersi a tali vette... sotterranee. Ma il senso del ridicolo, dove cazzo è finito? E certo va detto che alla fin fine pure questa gentaglia ha da campà ed arrivare a fine mese... Forse il segreto sta tutto qui!  Buona (...) lettura.

Leggi tutto...
 
Europa: giù dagli scudi! PDF Stampa E-mail
Scritto da Coordinamento politico provincia di MESSINA   
Venerdì 16 Marzo 2012

Milioni di ben pensanti crederono ingenuamente, in molti casi lo scrissero con enfasi, che la caduta del Terzo Reich avrebbe “donato” all’Europa un inesauribile periodo di pace, di prosperità: una nuova “età dell’oro” condotta sotto egida ebraico-statunitense: lo statuto delle Nazioni Unite è stato concepito allo scopo! Da allora sono trascorsi più di sei decenni, quasi un’intera vita umana, e su un punto tutti debbono convenire: quella sequela di buoni proponimenti è rimasta alla stregua di una promessa mai mantenuta. Nel secondo dopoguerra, infatti, le DESTABILIZZAZIONI si sono moltiplicate esponenzialmente come le cellule del tessuto necrotico di una cancrena. Per paradossale che possa sembrare, il sistema socio-politico che più di tutti -nel corso della storia- si è profuso in millanterie umanitarie, si è rivelato -invero- come il più acre nemico dell’uomo. Il secondo dopoguerra, dunque, potrebbe essere osservato non come un’età di pace, ma come l’epoca in cui viene istituzionalizzata una specie di GUERRA ANOMALA PERMANENTE: “In un quadro di conflittualità permanente… l’obiettivo strategico non poteva più essere rappresentato dalla conquista di un territorio, bensì da quella delle menti, dei cuori e delle coscienze delle popolazioni. Così, la “guerra non ortodossa” prevede l’impiego massiccio e capillare dei mezzi di comunicazione di massa non di divisioni corazzate, di slogan suggestivi non di fucili, di sogni non di aerei da combattimento” (1).

Leggi tutto...
 
UN ALTRO “CAVALLO DI TROIA”? PDF Stampa E-mail
Scritto da Mario MARLETTA   
Mercoledì 14 Marzo 2012

Da quando il Medio Oriente si è trasformato in una polveriera pronta a deflagrare, tutta la politica planetaria sembra divenire sempre più un sistema di sfere concentriche ruotanti intorno a Gerusalemme (Quds o Sion, secondo come si voglia chiamare la capitale dei sì detti “tre monoteismi”). A rischio di far la figura dei soliti paranoici “complottisti”, si potrebbe affermare che, da Caracas al Cairo, da Islamabad ad Atene -senza tralasciare la capitale dello “stato” attualmente più filo-sionista al mondo: Roma-, le politiche determinanti il destino di milioni di individui dipenda da ciò che si va compiendo a Gerusalemme e dintorni (a quanto pare, anche in ciò l’“antisemita” Dante aveva visto giusto).

Leggi tutto...
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 9 di 17
Nessun evento
ebrguerra.resized.jpg
CelticaCPA