--> -->
Art.21 della Costituzione italiana: "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione."
CPA
Home Le Opinioni nostre feed-image
LA "HIROSHIMA" TEDESCA CHE NESSUNO RICORDA. PDF Stampa E-mail
Scritto da Comunità Politica di AVANGUARDIA   
Mercoledì 13 Febbraio 2013
Nella notte tra il 13 e il 14 febbraio del 1945, la città di Dresda viene devastata da una serie di bombardamenti terroristici senza precedenti nella storia. Oltre 150mila vittime civili carbonizzate dal fosforo anglo-americano, uomini, donne, fanciulli “colpevoli” d’avere desiderato l’onore e la sovranità della propria Patria, il diritto al lavoro, all’istruzione, alla sanità, alla pensione, la libertà dal giogo dell’usura internazionale giudaica.

La Comunità Politica di Avanguardia desidera ricordare le migliaia di martiri che nessun “tg” sistemico, nessun foglio infeudato alla dittatura giudeo-statunitense, avrà la dignità di rammentare.

SIEG HEIL!
 
L' AVVENTO DELL' ANTICRISTO PDF Stampa E-mail
Scritto da Comunità Politica di AVANGUARDIA   
Lunedì 11 Febbraio 2013

Joseph Ratzinger, deus ex machina teologico agente dietro le quinte del Secondo Concilio Vaticano, cioè la più vasta opera di sovversione mai compiuta in duemila anni di storia, ha dato l’ultima spallata alla già traballante Cattedra di Pietro (la Chiesa di Giovanni, la Chiesa interiore, ahinoi! si occultò nel lontano 1244, a Montségur).

Oggi, tutti i fogli sistemici ritraggono in prima pagina il “papa dimissionario”: l’ebreo Ezio Mauro, direttore del foglio ebreo-sionista “la Repubblica” (proprietà dell’ebreo-sionista Baruch De Benedetti), osserva, estasiato: “la modernità irrompe in Vaticano!”. L’apparente, quanto irrisoria, giustificazione del Ratzinger: “lascio per l’età avanzata e per il bene della Chiesa”, sterco disinformativo da propinare alla massa telelobotomizzata.

Joseph Ratzinger, superando in empietà il suo degno predecessore Wojtyla, in otto anni di “pontificato” (usiamo questo termine per comodità lessicale), ha oltraggiato il cattolicesimo come più non avrebbe potuto, genuflettendosi di fronte ai suoi peggiori nemici storici: la comunità ebraica romana, gli anglicani, i sionisti (molteplici tentacoli della stessa PIOVRA GLOBALE) e perfino i bersaglieri, i discendenti di coloro i quali, nel 1870, gettarono le basi per la distruzione del potere secolare cattolico (nel 2010, in occasione del 140° anniversario della “breccia di Porta Pia”, Ratzinger si fece ritrarre con un cappello piumato sulla testa).

Leggi tutto...
 
GIOCHI DI GUERRA. PDF Stampa E-mail
Scritto da Mario MARLETTA e Adriana NEGRONI   
Sabato 09 Febbraio 2013

L’ex “mare nostrum” è divenuto un pantano sovraffollato dalle Marine Militari di mezzo mondo. Mentre i cieli d’Italia, da Capo Passero all’intero arco alpino, si trasformano in reticoli chimici, sintomi evidenti di una guerra non ortodossa in atto, i vascelli della N.A.T.O., della Federazione Russa, della Repubblica Popolare Cinese, di Israele e di chissà quanti altri intrusi sfiorano le nostre coste in attesa di un segnale. Il perché di ciò è presto detto: la Repubblica di Siria rappresenta uno degli ultimi Contrafforti ostili al trionfo del mondialismo giudeo-sionista. Bashar al-Assad, in verità, può contare solo su una minoranza di fedelissimi. La Repubblica di Siria è un mosaico etnico-confessionale all’interno del quale gli Alawì, cioè gli gnostico-shi’iti al potere, rappresentano poco più del 10% degli abitanti: Drusi, Armeni, Curdi, Circassi, Turcomanni sono elementi instabili, sempre pronti a innescare tensioni sociali utilissime al nemico; gli Arabi sunniti, a loro volta frammentati in ulteriori sottogruppi, rimangono completamente permeabili alla propaganda dei burattini del sionismo dissimulato (qatarioti, sauditi, etc.).

Leggi tutto...
 
SOLI CONTRO TUTTI. PDF Stampa E-mail
Scritto da Comunità Politica di Avanguardia   
Venerdì 01 Febbraio 2013
“Se il mondo delle democrazie plutocratiche ha scatenato proprio contro la Germania nazionalsocialista la più selvaggia delle guerre e dichiara che il suo supremo scopo di guerra è la distruzione di questa Germania, ciò non è che una conferma di quanto sapevamo già: e cioè che il pensiero dell’unità nazionalsocialista ha reso il popolo tedesco particolarmente pericoloso anche agli occhi dei nostri avversari, perché lo rende invincibile. Al di sopra di tutte le classi sociali, professioni, religioni, e di tutti gli altri grovigli della vita, si innalza l’unità sociale degli uomini tedeschi senza riguardo alle condizioni e alle origini, consacrata nel sangue, forgiata da una vita millenaria, resa compatta dal comune destino sia nel successo che nella rovina. Il mondo desidera il nostro dissolvimento. La nostra risposta può soltanto essere il rinnovato giuramento di rimanere sempre uniti indissolubilmente. Il loro scopo è la scissione tedesca. La nostra fede, l’unità tedesca. La loro speranza è il successo degli interessi capitalistici, e la nostra volontà è la vittoria della comunità nazionalsocialista… In quasi quindici anni di lavoro faticoso, il nazionalsocialismo ha liberato il popolo tedesco dallo stato di tragica disperazione, con un lavoro senza precedenti nella storia ha ridato alla nazione una coscienza e ha scacciato i miserabili spiriti della capitolazione disfattista, ha creato le premesse politiche per il riarmo. Ciò nonostante, per molti anni io sono stato pronto a porgere al mondo la mano per una vera intesa. Ma il mondo ha respinto l’idea di una conciliazione dei popoli basata sulla parità di diritti di tutti”.

Adolf Hitler
 
LA BELLEZZA PERDUTA. PDF Stampa E-mail
Scritto da Comunità Politica di Avanguardia   
Venerdì 01 Febbraio 2013
“Chi può seriamente dubitare circa l’esistenza di un’anima finemente modellata negli animali? Non saprei proprio. L’idea di ammazzare e di mangiare una creatura con una vita interiore così sensibile rispetto a quella della maggior parte degli uomini è orribile. Non credo che l’anima degli altri animali – animali che costituiscono un alimento “normale” per l’uomo – sia di un livello inferiore di quella di un cane”.

Rudolf Hess
 
PERLE DI SAGGEZZA DI UN PASSATO GLORIOSO. PDF Stampa E-mail
Scritto da Comunità Politica di Avanguardia   
Venerdì 01 Febbraio 2013
"...Si potrebbe definire l'ebreo come un'incarnazione deviata del complesso d'inferiorità. Non lo si può colpire più profondamente che descrivendolo con la sua effettiva essenza. Chiamalo mascalzone, farabutto, mentitore, criminale, assassino e omicida. Tutto ciò lo toccherà appena, internamente. Guardalo calmo e severo per un breve tempo e digli: «tu sei proprio un giudeo!» e ti accorgerai con stupore come nello stesso istante egli diverrà insicuro, imbarazzato e consapevole della propria colpa".

Paul Joseph Goebbels
 
LA GRANDE DERATTIZZAZIONE ERA INIZIATA. PDF Stampa E-mail
Scritto da Mario MARLETTA   
Mercoledì 30 Gennaio 2013
30 gennaio 1933: ottant’anni fa Adolf Hitler diveniva Cancelliere del Reich. Quella stessa sera, le sue truppe d’assalto sfilarono in parata alla luce delle torce. La Germania tornava ad esser libera! In quel giorno, dalle centrali dell’Alta Banca ebraica disseminate ovunque si alzò un urlo di disperazione: decine di milioni di Tedeschi erano state liberate dall’artiglio della Grande Usura.
Da allora in poi non sarebbe stato più possibile creare moneta dalla moneta, cioè “credito” dal debito. Da allora in poi, piccoli e grandi parassiti dei lavoratori e dei pensionati tedeschi avrebbero cominciato a sciamare fuori dalla rinata Germania.
Era iniziata la GRANDE DERATTIZZAZIONE!
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 6 di 17
Nessun evento
degrelle_1.jpg
CelticaCPA