--> -->
Art.21 della Costituzione italiana: "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione."
CPA
Home Le Opinioni nostre LORO... !
LORO... ! PDF Stampa E-mail
Scritto da Graziano DALLA TORRE   
Domenica 20 Ottobre 2013

Ma... 'loro', chi sono?

Loro sono quelli che possono liberamente telefonare a sindaci, prefetti, questori o procuratori della repubblica 'consigliandogli' caldamente di impedire, con tutti i mezzi 'legali' a loro disposizione, la celebrazione di un... funerale! Intendendo per 'funerale' non soltanto la cerimonia di commiato, religiosa o no che sia, ma anche proprio la stessa inumazione o tumulazione o cremazione della salma.

Parafrasando il "don Lisander": "Questo funerale non s'ha da fare !" In quel caso un signorotto e piccolo despota locale incaricava i suoi sbirri privati (le milizie e polizie private oggi sono tornate di moda come la soluzione ideale al mantenimento dell'ordine per i 'libertari' e gli 'anarcocapitalisti' di tutte le risme...) di impedire la celebrazione di un matrimonio assolutamente legittimo, legale e regolare per il solo gusto di potersi scopare impunemente la promessa sposa. I quali provvedevano minacciando direttamente il sacerdote incaricato della celebrazione (allora i sacerdoti contavano qualcosa...) per farlo desistere. Il quale, in fondo un povero diavolo, pur capitolando alla violenza aveva almeno il merito di riconoscere la propria pusillanimità ("il coraggio uno non se lo può dare...").

In questo caso, invece,  'loro' hanno ordinato "To whom it may concern" di impedire che la salma del detenuto Priebke Erich trovasse una qualsiasi collocazione che ponesse finalmente la parola 'fine' a  questa vicenda di cui tanto si è parlato.  E così, semplicemente e senza farsi troppe domande, chi di dovere ha obbedito. Motivi di ordine pubblico, si è detto. E' notorio come l'ordine pubblico venga oculatamente tutelato dalla repubblichetta e come il suo mantenimento stia a cuore agli statisti italici. Altri motivi per giustificare questo rifiuto del resto non si potevano invocare, giacché oltretutto la legge stessa impone ai comuni nel cui territorio avvenga un decesso di provvedere, in mancanza di intervento di parenti e familiari, al seppellimento del cadavere.

Per parte sua la diocesi di Roma, sempre molto solerte -come tutte le diocesi, del resto-  nel negare i funerali religiosi a mafiosi, serial killers, delinquenti assortiti e soggetti morti manifestamente in stato di peccato mortale e di pubblico scandalo (si dice così?)  non si è fatta pregare neanche questa volta opponendo immediatamente un netto divieto alla celebrazione delle esequie in una qualsiasi chiesa del suo territorio. Probabilmente i membri dell'equipaggio dell'Enola Gay, l'aereo che lanciò la bomba su Hiroshima, non erano cattolici ma se lo fossero stati state pur sicuri che nemmeno per loro ci sarebbero stati  funerali in chiesa ! Come non ci saranno stati per quegli ufficiali e sottufficiali americani, eventualmente cattolici, della 45^ divisione di fanteria U.S. che il 14 luglio 1943 all'aeroporto di Biscari/Acate, in Sicilia,  fucilarono 76 prigionieri di guerra  italiani e tedeschi dopo che si erano arresi e consegnati al nemico. Ma funerali a parte saremmo curiosi di sapere se 'loro' siano mai intervenuti per trascinare i 'boia' davanti ad un tribunale, militare o civile che sia. Ma poi, che cazzo, non vorrete mica paragonare i nazisti con gli americani, come esclamò scandalizzata ed inviperita rispondendo ad un ascoltatore la coppia Cruciani/Parenzo dai microfoni di Radio 24...

Ma non contenti, 'loro' hanno ordinato oltre che alle 'autorità' civili e religiose anche a qualche decina di sbirri ben disposti di fermare il funebre corteo e magari, perché no?, di trafugare il feretro e gettarlo nel Tevere, come tentarono di fare alcuni padri nobili del risorgimento - nonché padri spirituali dei teppistelli con bandiera rossa di Albano Laziale (sulla quale compare nitidissimo il simbolo di Rifondazione comunista)-  con la salma di papa Pio nono in occasione dei suoi funerali nel 1878 ("Al fiume il papa porco!")

Perché non dare un segnale inequivocabile ai 'rigurgiti' nazi/fasci/antisemiti dando al boia Priebke quel che si merita?  Ecco, bruciate il feretro con la benzina in Campo de fiori, davanti alla famosa statua che sapete.  Scavate una fossa in campagna e gettate tutto dentro. Poi coprite e spianate bene il terreno.

Contenti ?

 
Nessun evento
ebrguerra.resized.jpg
CelticaCPA