--> -->
Art.21 della Costituzione italiana: "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione."
CPA
Home La Comunità comunicati ATTACCO MISSILISTICO CONTRO LA SIRIA
ATTACCO MISSILISTICO CONTRO LA SIRIA
Domenica 05 Maggio 2013

Foto: Nel corso della notte, violente esplosioni hanno illuminato il cielo di Damasco. La rete “al-Ikhbariya” ha reso noto che ad essere stato preso di mira dall'attacco missilistico israeliano è un importante centro di ricerca scientifica nella zona di Jamraiya, centro interessato da un episodio terroristico simile già nel gennaio scorso. Segnalate ancora una volta vittime.  Questo atto terroristico è l’ennesimo abominio perpetrato da una entità guerrafondaia completamente fuori controllo, che continua a espandersi su fiumi di sangue e montagne di scheletri, che chiede il rispetto assoluto di tutti senza garantirlo a nessuno, che calpesta civiltà e nazioni, che elargisce miseria, sofferenza e morte a chiunque abbia la sventura di viverle vicino (e non solo).  Questo ulteriore atto terroristico mira a destabilizzare una nazione sovrana da molti mesi in lotta contro le infiltrazioni di apolidi assassini facenti funzioni della medesima entità guerrafondaia. ONU, UE, Stati smobilitandi dell’ex Europa, Vaticano… ancora una volta mostrano i loro veri volti. Trascinare la Repubblica di Siria in un conflitto significherebbe coinvolgere -presto o tardi- Hezbollah e, sopra tutto, la Repubblica Islamica dell’Iran. Le bestie annidatesi in Tel Aviv conoscono bene l’esito di un eventuale conflitto sostenuto solo da esse, e per questo mirano ad attirare l’altra bestia d’oltreoceano, sì da dare il via ad un conflitto che si profilerebbe devastante anche per la colonia Europa. Per questa serie di motivi, il presidente Assad è costretto a mordere il freno, anche su consiglio del governo di Teheran. Le provocazioni marittime statunitensi nel Golfo Persico completano il quadro di un ulteriore tentativo di scatenare una guerra, il solo modo per permettere  a questi immondi parassiti di sopravvivere in un mondo che non ne può più dei loro soprusi

Nel corso della notte, violente esplosioni hanno illuminato il cielo di Damasco. La rete “al-Ikhbariya” ha reso noto che ad essere stato preso di mira dall'attacco missilistico israeliano è un importante centro di ricerca scientifica nella zona di Jamraiya, centro interessato da un episodio terroristico simile già nel gennaio scorso. Segnalate ancora una volta vittime.

Questo atto terroristico è l’ennesimo abominio perpetrato da una entità guerrafondaia completamente fuori controllo, che continua a espandersi su fiumi di sangue e montagne di scheletri, che chiede il rispetto assoluto di tutti senza garantirlo a nessuno, che calpesta civiltà e nazioni, che elargisce miseria, sofferenza e morte a chiunque abbia la sventura di viverle vicino (e non solo).

Questo ulteriore atto terroristico mira a destabilizzare una nazione sovrana da molti mesi in lotta contro le infiltrazioni di apolidi assassini facenti funzioni della medesima entità guerrafondaia. ONU, UE, Stati smobilitandi dell’ex Europa, Vaticano… ancora una volta mostrano i loro veri volti.
Trascinare la Repubblica di Siria in un conflitto significherebbe coinvolgere -presto o tardi- Hezbollah e, sopra tutto, la Repubblica Islamica dell’Iran. Le bestie annidatesi in Tel Aviv conoscono bene l’esito di un eventuale conflitto sostenuto solo da esse, e per questo mirano ad attirare l’altra bestia d’oltreoceano, sì da dare il via ad un conflitto su vasta scala che si profilerebbe devastante anche per la colonia Europa.

Per questa serie di motivi, il presidente Assad è costretto a mordere il freno, anche su consiglio del governo di Teheran.

Le provocazioni marittime statunitensi nel Golfo Persico completano il quadro di un ulteriore tentativo vòlto a scatenare un'altra carneficina, il solo modo per permettere a questi immondi parassiti di sopravvivere in un mondo che non ne può più dei loro soprusi.

 
Nessun evento
Hitler_x_1000_anni.jpg
CPA_wb_210x188 (6K) Comunità Politica di Avanguardia
CelticaCPA