--> -->
Art.21 della Costituzione italiana: "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione."
CPA
Home Le Opinioni nostre BUONE ELEZIONI.
BUONE ELEZIONI. PDF Stampa E-mail
Scritto da Comunità Politica di AVANGUARDIA   
Giovedì 21 Febbraio 2013

Hamad bin Jassim al-Thani, sceicco qatariota amico dell’asse Tel Aviv-Washington, ha finanziato la campagna elettorale di Netanyahu e di Lieberman, ed è -comprensibilmente- uno dei piu’ strenui nemici del presidente siriano Assad e della repubblica islamica dell’Iran.

La sì detta “lega araba”, uno strumento dell’islam secolarizzato asservito all’imperialismo occidentale, sta perseguendo, come già ha fatto con la Jamahirya di al Qaddafi, l’isolamento della repubblica siriana. Questa politica viene condotta di pari passo all’arruolamento e al finanziamento di gruppi terroristici da infiltrare in siria attraverso la Turchia e la Giordania (altre due entità assai amiche dell’asse Tel Aviv-Washington).

Questa ostilità interislamica ha radici storicamente molto profonde, che si possono riassumere nel seguente modo: Iran, Siria e Hezbollah sono territori in cui ha attecchito l’islam shi’ita, cioè l’islam gnostico-esoterico, le cui radici affondano nella tradizione ario-pagana, mentre il resto dell’islam, definito superficialmente coll’attributo “sunnita”, raggruppa una galassia di dottrine di origine prevalentemente biblico-semitica che “compone” il sì detto “islam essoterico”.

I vertici dell’internazionale giudaica, consci di questa dicotomia “ontologica” esistente tra shi’iti e sunniti , hanno perseguito -nel corso degli ultimi secoli, in particolare- quel “divide et impera” che sta alla fonte di tutte le destabilizzazioni mediorientali attuali. Inutile aggiungere che il giorno in cui tutte le componenti islamiche facessero fronte comune, l’entità usurpatrice sionista –definita israele- avrebbe i minuti contati. La stessa Europa, liberato il medio oriente dal cancro giudeo-sionista e spazzati via dalla faccia della terra i suoi criminali dirigenti, rinascerebbe a nuova vita.

Attualmente una ristretta minoranza di consapevoli e' a conoscenza della reale influenza del si’ detto "israele" in tutti i governi europei, nei fatti delle tribune di marionette gestite dall’internazionale giudeo-sionista. La stessa Germania, la più ricca e potente nazione europea, il cui tributo a israele si concretizza ancora oggi sotto forma di indefiniti risarcimenti annuali per fantomatici “olocausti”, è come un centometrista costretto a correre con un cadavere sulle spalle.

Svendite dei patrimoni pubblici nazionali (Grecia, Italia, Irlanda, Spagna, Portogallo…) debiti pubblici, credit spread e tanti altri assurdi pretesti propagandati da tutti media sistemici servono solo a mantenere in vita questa funesta entità parassitaria. La Merkel in Germania, Cameron in Gran Bretagna, Hollande in Francia, Monti in Italia... Sono solo plenipotenziari dell’internazionale ebraica insediati in loco al solo scopo di depredare le risorse nazionali dei popoli.

Domenica prossima, quando vi recherete alle urne, ricordate che nessun simbolo concorrente sfugge a questo potere globale: il giorno in cui apparisse un movimento politico che aspirasse davvero a rovesciare questo sistema, i seggi elettorali verrebbero presidiati da divisioni corazzate in assetto di guerra.

Buone elezioni a tutti.

 
Nessun evento
camerati_addio.jpg
CelticaCPA