--> -->
Art.21 della Costituzione italiana: "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione."
CPA
Home La Comunità comunicati Vittorio Arrigoni
Vittorio Arrigoni
Venerdì 15 Aprile 2011

In una uggiosa notte di primavera, al chiuso di una stanza -a Gaza-, hanno spento la vita di Vittorio Arrigoni, uomo libero dai condizionamenti della cittadella globale che aveva deciso di abbracciare la causa del popolo più perseguitato al mondo. Ha seguito la sua nobile via fino al sacrificio estremo. Adesso assisteremo agli ipocriti piagnistei di gentaglia marcia fino al midollo, ben fasciata con tricolori e pentacoli massonici. E’ stata, questa, l’ultima efferatezza decretata e compiuta dai servi dell’imperialismo ebraico-statunitense annidatisi nella culla del “Miraj” (l’ascesa al cielo del nobile profeta), e del luogo in cui il cristo risorse.

“caos”, il “business” senza frontiere costruito sulla totale assenza di certezze, si serve dell’ultimo ratto di fogna indegnamente osannante al “puro islam”. Sionisti mascherati da arabi antisionisti (come l’ebreo Pearlman, alias: Assam al-Amriki’); psicopatici che oltraggiano il sacro corano in nome del redentore…

“Nessuna verità, polpettone hollywoodiano firmato da Ridley Scott, adombrava a uno “status” oramai consolidatosi ovunque alligni il parassita globale: Iraq, Afghanistan, Libano, Egitto, Tunisia… e potremmo continuare indefinitamente. “tutti contro tutti”, con la stampella di “Facebook”, “Twitter”, “Google”, “Youtube”, a che la marcescente materia del mercato globale tragga ancora la sua linfa, si sostenti e si riproduca sul sangue dei popoli.

Hanno raso al suolo l’Iraq, con la scusa delle armi di distruzione di massa di Saddam Hussein; stanno pianificando l’invasione della repubblica islamica iraniana sventolando il pretesto delle armi atomiche; ciò mentre il cancro sionista ha in appalto la fabbrica di morte in Palestina, il “business” globale del traffico d’organi, degli schiavi e delle prostitute minorenni provenienti dai territori dell’ex-Urss.

Vittorio Arrigoni aveva divulgato le immagini del “tiro al contadino”, della “caccia ai pescherecci di Gaza”; aveva filmato i massacri di donne e bambini avvenuti nel 2009 (operazione piombo fuso); aveva sputtanato Saviano e le sue strumentali manovre anticamorriste (turpe propaganda ostentata per il bene di “Israele”): per tutto ciò era necessario sopprimerlo. Bisognerebbe fare un escursione nel sito-web ultrasionista “stop the ism.com”, per scoprire l’identità dei mandanti del suo assassinio; per svelare al mondo la carica d’odio disumano di cui -quotidianamente- si nutre il sionismo internazionale, putredine subumana davvero degna dei reticolati di Auschwitz!

 
Nessun evento
camerati_addio.jpg
CPA_wb_210x188 (6K) Comunità Politica di Avanguardia
CelticaCPA