--> -->
Art.21 della Costituzione italiana: "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione."
CPA
Home
Benvenuti nel sito ufficiale della
Comunità Politica di Avanguardia!
anti_usa (15K) boycottisraele (9K)
Eurasia-Islâm: più che mai il nostro progetto politico PDF Stampa E-mail
Comunicati - comunicati CPA
Scritto da Comunità Politica di Avanguardia   
Martedì 18 Luglio 2017

In un ambiente infestato di spie e delatori, a scanso di spiacevoli misinterpretazioni, i sodali della Comunità Politica di Avanguardia ribadiscono la giustezza del proprio progetto politico Eurasia-Islâm; sempre a scanso di equivoci desiderano prendere le distanze dalla sì detta “Avanguardia Nazionale” dell’agente atlantico Stefano delle Chiaie. Detto ciò, la Comunità Politica medesima desidera sottolineare la primogenitura del proprio progetto risalente ai primissimi anni ‘90 del secolo scorso, concepito e attuato da Leonardo Fonte e Maurizio Lattanzio, ed avente quale unico referente geopolitico la Repubblica Islamica dell’Iran e nessun’altra compagine presente sulla scena politica mondiale.

La Comunità Politica medesima intende ribadire la giustezza delle proprie idee proprio nel momento in cui certi russofili d’area, nazionalcomunisti, ex “orionisti”, etc., tentano di mescolare le carte in tavola e di aggrapparsi al carro del vincitore in Siria, che non è la sì detta “Federazione Russa”, ma i Pasdarân della Repubblica Islamica dell’Iran [a suo tempo dai medesimi “orionisti” definita soltanto “potenza regionale”: cfr. Carlo Terracciano: “Iran, la ‘piattaforma’ dell’Islam e la vendetta di Karbala”; Orion, giugno 1994], coadiuvata dalle Milizie libanesi di Hezbollah e dall’esercito repubblicano di Siria.

A dispetto di tutti codesti campioni di salto sul carro del vincitore, se la Repubblica di Siria a guida shi’ita sarà definitivamente liberata dal cancro sionista wahabita, se, sopra tutto, la metastasi sionista sparirà dalle mappe geografiche e Gerusalemme-Qud tornerà ad essere la Citta Santa, sarà merito delle truppe shi’ite e di nessun altro.

Comunità Politica di Avanguardia

 
Horst Mahler: storia di un crimine democratico PDF Stampa E-mail
Comunicati - comunicati CPA
Scritto da Comunità Politica di Avanguardia   
Venerdì 23 Giugno 2017

Alla fine è stato consegnato alle forze di polizia tedesche il revisionista Horst Mahler, che aveva chiesto, senza ottenerlo, asilo all’Ungheria del Presidente Orban ritenendolo, illusoriamente, uno stato sovrano pronto ad accoglierlo.

Dopo tanti anni vissuti in galera scontando varie condanne inflittegli a causa del suo pensiero riguardo l’Olocausto e più in generale l’ebraismo, nel duemilaquindici, precisamente il diciassette luglio, a Mahler fu concessa una sospensione della pena dopo aver subito una seria operazione nella quale, a causa del diabete, si era resa necessaria l’amputazione di un piede e di parte della gamba.

Leggi tutto...
 
«Israele globale»: a un passo dal trionfo; a un passo dalla catastrofe PDF Stampa E-mail

Dal n° 368 - Maggio - giugno 2017

Articoli - Mensile
Scritto da Mario MARLETTA   
Giovedì 01 Giugno 2017

Tutto si compie: la frammentazione della ummah, il rimodellamento del Vicino Oriente e del Nord Africa; l’annichilimento delle ultime repubbliche sociali e nazionali – l’irachena e la libica -; la balcanizzazione della repubblica di Siria, del cui sangue si stanno abbeverando “amici” e nemici; le nuove armi dislocate nell’Arabia occupata [probabilmente anche di tipo nucleare], per l’esclusivo interesse della dittatura sionista, stato d’occupazione della Terra Santa, centro propulsore della metastasi planetaria definita «mondialismo» e/o «globalizzazione». Sol per ciò che riguarda la distruzione della Siria: in un’orgia di depistaggi, in un sabba di bugie strillate su tutti gli schermi televisivi, quasi nessuno riesce più a orientarsi e a comprendere chi sia schierato contro chi; quali siano i fronti, quali gli amici e quali i nemici; eppure, se solo ci si soffermasse a riflettere, se solo si possedesse un po’ di memoria storica; se si avesse la capacità di ordinare e sintetizzare gli eventi succedutisi negli ultimi anni, la verità – una e innegabile! – apparirebbe in tutto il suo fulgore.

Leggi tutto...
 
Solidarietà alla Repubblica Islamica d'IRAN PDF Stampa E-mail
Comunicati - comunicati CPA
Scritto da Comunità Politica di Avanguardia   
Giovedì 08 Giugno 2017

Tutto quanto era stato vituperato nei secoli passati s’è dato appuntamento oggi: la bugia per amor della bugia, l’inversione d’ogni ordine costituito, la tragica caricatura dell’Islâm volgarmente definita “Stato Islamico”. Frammentare l’ummah, aizzare sunniti contro sciiti, portare la devastazione e la morte in tutto il mondo arabo-islamico, senza mai nemmeno sfiorare il mortale nemico dell’Islâm: l’entità sionista: strana strategia per chi si dichiara “musulmano radicale”.

Oggi, questo Frankenstein sionista agente sotto mentite spoglie islamiche è arrivato a colpire il cuore dell’Islâm sciita, imamita, duodecimano, spingendosi fino alla profanazione del mausoleo dell’Imâm Khomeyni.

Alla Repubblica Islamica dell’Iran, ai suoi Martiri, vadano il cordoglio e la solidarietà della Comunità Politica di Avanguardia.

Comunità Politica di Avanguardia

 
L'Ungheria di Viktor Orban rifiuta asilo politico all'avvocato Horst Mahler, 81 anni, mutilato, diabetico PDF Stampa E-mail
Articoli - le nostre opinioni
Scritto da Comunità Politica di Avanguardia   
Domenica 21 Maggio 2017

L'avvocato Horst Mahler, 81 anni, è uno dei più noti dissidenti nella Bundesrepublik, e pertanto tra i più odiati dall'èlite della BRD, che non ha lesinato le condanne a suo carico, sia per Volksverhetzung, incitazione del popolo all'odio (cosa contraria alla verità, in quanto gli olorevisionisti, sulla base dei documenti dell'epoca, portano buone notizie: non è esistito nel Terzo Reich un programma di eliminazione della popolazione ebraica); che per “negazione dell'Olocausto” (definizione inventata dai Giudici del Pensiero, in realtà i revisionisti non negano ma affermano, per esempio, che non vi sono state camere a gas omicide nei campi di concentramento tedeschi), culminate in un totale di 12 anni di carcere.

Una delle molte iniziative che hanno particolarmente irritato i giudici atlanticamente corretti della BRD, è la partecipazione di Mahler alla fondazione, nel 2003, del Verein zur Rehabilitierung der wegen Bestreitens des Holocaust Verfolgten/VRBHV, Associazione per la riabilitazione dei perseguitati per aver contestato la narrativa olocaustica. Mahler ne diede notizia con una lettera aperta nella quale dichiarò che l'obiettivo del gruppo era di “eliminare lo stato di isolamento dei perseguitati, di garantire la necessaria pubblica conoscenza della loro lotta per la giustizia, e per provvedere ai mezzi finanziari per vincere le battaglie giudiziarie”. A seguito della sua fiera presa di posizione, nel 2004 venne messo sotto accusa per Volksverhetzung.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 12
Nessun evento
ebrguerra.resized.jpg
Ultimi articoli:
Nessun evento
CelticaCPA